Home / Analisi dei Mercati / Cosa si attende dalle Borse oggi dopo il martedì nero?

Cosa si attende dalle Borse oggi dopo il martedì nero?

Cosa si attende dalle Borse oggi dopo il martedì nero?

Giornata da dimenticare quella che hanno vissuto le borse ieri. Il martedì nero di Piazza Affari ha chiuso in prossimità dei minimi di giornata questo non lascia ben sperare per la seduta di oggi.

Gli investitori resteranno cauti fino all’asta Btp a 5 e a 10 anni che sarà l’elemento principale di oggi.
Questa emissione sarà un test importante per il nostro Paese e si attende un rendimento del decennale poco sotto il 5%. Quello che potrebbe deludere e’ la domanda, perche’ molti investitori esteri sono spaventati dalla situazione di incertezza in Italia e potrebbero evitare di partecipare all’asta. Quindi molta attenzione al bid-to-cover.

Nel pomeriggio, tra i dati Usa piu’ importanti ci sono gli ordini dei beni durevoli, ma in questi giorni, gli operatori mettono da parte i temi macroeconomici e seguono di piu’ la situazione” post elezioni in Italia. Se la lettura di questi dati sara’ migliore delle attese, le reazione del mercato sara’ limitata, se invece saranno negativi aumenteranno i motivi per vendere.

A piazza Affari occhi puntati sulle banche. La Consob ha fissato, già da ieri, il divieto di vendite allo scoperto su Intesa Sanpaolo e B.Carige, valido oggi anche per B.Popolare e Mediolanum.

Da seguire T.I.Media. Secondo indiscrezioni di stampa oggi dovrebbe riunirsi il Cda per dare il via libera alla firma dell’accordo con Cairo Comm.. La societa’ dovrebbe ricapitalizzare La7 per 95 mln euro e cancellare 63 mln euro di debito che ha contratto con il gruppo. Inoltre sarebbe stato trovato un accordo anche per lo sconto sull’affitto dei multiplex che restano a T.I.Media, il trasferimento del personale e la pubblicita’ garantita da Telecom I. sull’emittente.
Focus su Telecom I., dopo che ieri, durante il Mobile word congress di Barcellona, l’a.d. del gruppo, Marco Patuano, ha detto che i bond ibridi saranno emessi quando le condizioni del mercato saranno migliori.

Attenzione a Enel, dopo Citigroup ha deciso di togliere il titolo dalla su focus list Europe, confermando il rating a buy a causa dell’aumentata incertezza politica.

Da monitorare anche Gemina e Atlantia. Ieri si e’ tenuto un Cda della prima in cui si e’ preso visione del rapporto stilato dall’advisor sul piano industriale di Atlantia per il post fusione. Comunque, la questione da risolvere resta quella dei concambi.

Si segnala inoltre, che oggi e’ l’ultimo giorno per aderire della Opas promossa da Hera su Acegas-Aps. Con le adesioni pervenute ieri, la quota di Hera nel capitale di Acegas-Aps ha superato l’85% e l’obiettivo e’ quello di superare il 90% per avviare la procedura di delisting.

Infine, focus su Impregilo, dopo che ieri e’ stato depositato il progetto per l’Opa totalitaria di Salini a 4 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *