Home / Analisi dei Mercati / Report sui mercati finanziari del 10 settembre

Report sui mercati finanziari del 10 settembre

Analisi dei mercato mondiali del 10/09/2012. Il report è pubblicato dal sito ADVFN ed è possibile riceverlo gratuitamente cliccando sul link in fondo all’articolo.

MERCATO USA

Borsa Usa: indici chiudono poco mossi. Bene il comparto bancario, giù Intel e Kraft

A New York i principali indici statunitensi hanno terminato l’ultima seduta della settimana poco mossi. Il Dow Jones evidenzia un progresso dello 0,11% e il Nasdaq Composite dello 0,02%.

Nel primo pomeriggio il Dipartimento del Lavoro USA ha reso noto che, nel mese di agosto, i nuovi posti di lavoro nei settori non agricoli sono aumentati di 96 mila unita’. Il dato e’ tuttavia inferiore alle attese degli analisti che si aspettavano una crescita di 125 mila impieghi. Inoltre il dato relativo a luglio e’ stato rivisto al ribasso da +163 mila a +141 mila unita’. Il tasso di disoccupazione e’ pero’ sceso all’8,1% (consensus 8,3%). Il salario orario medio e’ rimasto invariato su base mensile (stime +0,2%).

Sul fronte societario ben comprati i titol i del comparto bancario (Bank of America +5,39%, Jp Morgan +1,58%).
Lettera invece su Kraft (-5,49%) e Intel (-3,61%).

Il gruppo alimentare ha annunciato oggi alla comunità finanziaria i piani di sviluppo per il mercato americano. La società prevede un eps (Gaap) al 2013 da circa 2,60 dollari per azione. Programmato anche uno spin-off di Kraft Foods Group che controllerà le attività alimentari nordamericane.

Questi asset prenderanno il nome di Mondelez International e saranno scambiati sul Nasdaq con il simbolo MDLZ. La società punta per i prossimi anni su una maggiore competitività basata su specifici investimenti sul personale. E’ prevista inoltre un’azione di rilancio dei brand principali come Kraft, Oscar Mayer and Maxwell House.

In particolare Kraft punta su una crescita organica nei ricavi e su un incremento delle quote di mercato nel Nord Amer ica. Dovrebbe aumentare del 4-6% circa l’utile operativo, del 7-8% l’eps e del 4-6% il dividendo. Previsti nel 2013, infatti, un eps da 2,60 dollari e un dividendo annuale da 2,00 dollari.

Il gruppo tecnologico ha annunciato una revisione al ribasso delle stime di vendita per il terzo trimestre del 2012. Le nuove previsioni sui ricavi si pongono intorno a 13,2 miliardi di dollari (+/- 300 milioni di dollari) a fronte della precedente forchetta posta tra 13,8 e 14,8 miliardi. La società attribuisce la revisione delle stime a una domanda più debole del previsto generata dal fragile contesto macroeconomico. Le attese sul margine lordo del terzo trimestre si pongono intorno al 62%, contro stime precedenti al 63%.

Bene Amazon.com (+3,09%). La società delle vendite online ha presentato il Kindle Fire un tablet low cost ma dalle elevate prestazioni.

In ribasso Aig (-0,67%). Il gruppo assicurativo ha venduto azioni della filiale asiatica Aia Group per circa 2 miliardi di dollari ad un prezzo unitario di 26,5 dollari, con un premio dello 0,8% rispetto al prezzo di chiusura registrato dal titolo. Dopo l’operazione la quota di Aig in Aia scende al 13,7%.

bonus-25-euro

MERCATI ASIATICI

Tokyo poco mossa in avvio di ottava

Borsa nipponica poco mosso al termine della prima seduta settimanale. Il Nikkei ha chiuso le contrattazioni praticamente invariato facendo registrare un calo dello 0,03% a quota 8869,37 mentre il Topix e’ salito dello 0,3% a 737,34 punti.

Il rischio di un rallentamento dell’economia a livello globale preoccupa gli addetti ai lavori che non hanno visto di buon occhio i deludenti dati di venerdi’ sul mercato del lavoro statunitense. Saranno necessari nuovi interventi a sostegno della crescita da parte delle autorita’ go vernative dei paesi piu’ industrializzate per evitare di accrescere i problemi gia’ oggi di difficile risoluzione. Il rafforzamento dello yen nei confronti delle altre principali valute ha inoltre zavorrato i titoli delle societa’ esportatrici sebbene le aziende che operano in Cina abbiano potuto trarre vantaggio dall’approvazione da parte della stessa Cina di un primo intervento per lo sviluppo delle infrastrutture.

Sul fronte macroeconomico da segnalare che l’Ufficio di Gabinetto ha comunicato questa mattina il dato preliminare relativo al PIL del secondo trimestre 2012. Tale rilevazione ha fatto registrare una crescita dello 0,2% rispetto al trimestre precedente risultando inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un incremento dello 0,3%. Su base annuale lo stesso dato ha fatto segnare un incremento dello 0,7% a fronte di un dato atteso pari a +1,4%. Il Ministero dele Finanze ha poi reso noto che il saldo delle partite corrent i è cresciuto a 625,4 mld di yen, superiore sia ai 433,3 mld di yen del mese di giugno che alle stime degli analisti (438,2 mld di yen).

Tra i titoli che si sono messi in evidenza spiccano i rialzi attorno al 7% di Oki Electric e Pioneer COrp mentre hanno ceduto terreno tra gli altri Sumco Corp e Dainippon Screen Manufactoring.

Poco mosse anche le altre principali piazze azionarie asiatiche con Hong Kong in calo dello 0,07%, Seul dello 0,25% e Shanghai in crescita dello 0,1%.

iforex-inizia

MERCATI EUROPEI

Borse europee deboli in avvio

Avvio debole per le principali Borse europee. Il Dax30 di Francoforte cede lo 0,12%, il Ftse100 di Londra lo 0,06%, l’Ibex35 di Madrid lo 0,16%. Sopra la parità il Cac40 di Parigi (+0,2%).

La Germania oggi è impegnata con il collocamento di titoli a 6 mesi per 4 miliardi di euro.

Sul fronte societario acquisti sui titoli legati alle risorse di base, sul comparto delle costruzioni e sui chimici. Vendite invece su utility, telecom e alimentari.

Poco mossa Royal Dutch Shell (-0,11%). Secondo indiscrezioni di stampa il Qatar avrebbe intenzione di incrementare la propria quota nel gruppo petrolifero fino al 7%, superando così l’attuale primo azionista Blackrock.

Sanofi in leggero rialzo (+0,2%) dopo l’upgrade da parte di Bank of Am erica. Il broker ha alzato il rating sul gruppo farmaceutico a buy da neutral.

Sulla parità Siemens (+0,02%). Credit Suisse ha riavviato la copertura sul titolo con rating outperform.

APERTURA MERCATO ITALIANO

Piazza Affari in leggera flessione

Il Ftse Mib segna -0,3%, il Ftse Italia All-Share -0,4%, il Ftse Italia Mid Cap -0,3%, il Ftse Italia Star -0,2%.
Borse europee intorno alla parità. Venerdì scorso l’S&P 500 ha terminato a +0,40%, il Nasdaq a +0,02%. Attualmente i future sui principali indici USA sono in leggero calo.

A Tokyo l’indice Nikkei 225 ha chiuso a -0,03%, mentre a Hong Kong l’Hang Seng è a +0,2%. Inizio di ottava difficile per Ansaldo STS (-1,6%), penalizzata dalla decisione di Goldman Sachs di peggiorare a “sell” la raccoma ndazione sul titolo. Male anche Saipem (-0,9%) su cui UBS ha peggiorato la raccomandazione da “buy” a “neutral”. RCS MediaGroup (-2,58%) passa più volte in asta di volatilità per eccesso di ribasso. Milano Finanza ha scritto che Borsa Italiana potrebbe decidere la revoca del titolo a causa dello scarso flottante.

Banca MPS (+7,7%) guadagna ulteriore terreno dopo il breakout rialzista di venerdì. Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli hanno comunicato a Banca MPS di non aver approvato, allo stato, nella formulazione proposta, il progetto di scissione della quota di Banca d’Italia detenuta da Biverbanca. Stop quindi alla vendita a CR Asti del 60,42 % di Biverbanca posseduto da Banca MPS.

advfn

TITOLI DEL GIORNO

Banca Mps, dopo essere tornato a testare dall’alto la media mobile a 100 giorni, supporto a 0,21 e superata precedentemente al rialzo il 20 agosto, ha ripreso a salire con forza riportandosi in area 0,26. I prezzi si sono lasciati alle spalle il 38,2% di ritracciamento (Fibonacci) del ribasso dal top di marzo inviando un segnale rialzista che apre la porta a movimenti verso 0,29 e 0,325. Solo oltre quest’ultimo livello la reazione in atto dai minimi (storici) di luglio a 0,1432 potrebbe assumere i tratti di una tendenza rialzista duratura puntando al recupero di area 0,44 almeno. Solo discese sotto 0,21 renderebbero probabili invece cali con primo target a 0,185, base del gap rialzista del 17 agosto.
Per chi volesse comprare il titolo attendere la rottura di 0,29 per intervenire con obiettivo a 0,325 e stop a 0,27.
Per chi gia’ detiene il titolo mantenere uno stop subito al di sotto di 0,21, incrementare oltre 0,29 per 0,32 5.

Battuta d’arresto per Bp Milano nell’ultima seduta di ottava. Dopo un avvio euforico fino a sfiorare quota 0,50, Banca Pop. Milano prova a consolidare i progressi ottenuti. Prima che i prezzi possano proseguire il cammino al rialzo verso i record annuali in area 0,54 e verso i top dello scorso autunno a 0,63 e 0,66, sarà necessario un allentamento delle tensioni presenti sugli oscillatori tecnici, ora in ipercomprato. Probabile quindi nel breve termine una pausa correttiva in direzione di 0,42, sulla linea di tendenza che sale dai minimi di fine luglio. Il rialzo rischierebbe poi di perdere autorevolezza al cedimento di 0,3750, proiettando i prezzi sui supporti a 0,33 e 0,30.
Per chi volesse acquistare il titolo: attendere una discesa fino area 0,42 ed intervenire con stop sotto 0,39 per il target a 0,54 euro.
Per chi detiene attualmente il titolo: mantenere aperte le posizioni sopra 0,3750 per gli obiettivi a 0,54, 0,63 e 0,66 euro.

Enel ha rotto gli indugi e dopo aver oltrepassato la resistenza a 2,55 euro, massimo di inizio luglio, si e’ lasciato alle spalle anche la media a 200 sedute in area 2,70. Prosegue dunque la corsa del titolo verso la ricopertura del gap che si e’ aperto a marzo poco oltre quota 3,00 e successivamente di quello di meta’ febbraio a 3,2360 euro. Conferme nel breve giungeranno con il superamento della linea di tendenza che scende dai record dello scorso settembre, riferimento attualmente poco sotto 2,90. Flessioni fino a 2,50 euro resteranno compatibili con lo scenario appena proposto. Sotto 2,50 invece il trend rialzista perderebbe forza ed i corsi avrebbero campo aperto per andare a testare il sostegno a 2,23 euro, baluardo che avra’ il compito di scongiurare il ritorno sui bottom in area 2,00.
Per chi volesse acquistare il titolo: intervenire in caso di flessioni nel breve fino a 2,60, stop sotto 2,50 per gli obiettivi a 3,00 e 3,23 euro
Per chi detiene attualmente il titolo: mantenere aperte le posizioni sopra 2,50 per gli obiettivi a 3,00 e 3,23 euro

DATI MACRO ATTESI

Lun 10/9
01:50 GIA PIL t/t (finale) T2
01:50 GIA PIL t/t, ann. (finale) T2
08:45 FRA Produzione industriale m/m
10:00 ITA PIL t/t, ann. T2
10:30 EUR Indice Sentix fiducia investitori

bonus-25-euro

HEADLINES

Risanamento: offerta non vincolante per Santa Giulia da parte di Global Asset Capital
Il Consiglio di Amministrazione di Risanamento di venerdì scorso ha preso atto dell’offerta non vincolante per l’acquisto del 100% del capitale sociale di Sviluppo Comparto 3 S.r.l. (interamente posseduta per il tramite della controllata Milano Santa Giulia S.p.A.) (“SC3”) pervenuta da Global Asset Capital (di seguito, “GAC”), fondo californiano di private equity. SC3 è proprietaria del complesso immobiliare SKY, sito in Milano, via Monte Penice 7, sul quale è allocato un debito che, alla data del 30 giugno 2012, ammonta a circa Euro 194 milioni. L’operazione proposta da GAC, avendo ad oggetto la cessione del 100% di SC3, prevedrebbe il subentro del compratore in tutti i rapporti facenti capo alla stessa SC3. Il Consiglio di Amministrazione ha espresso parere favorevole in merito alla decisione della controllata Milano Sant a Giulia S.p.A. di concedere a GAC un periodo di esclusiva sino al 30 Novembre 2012 al fine di consentire lo svolgimento delle attività di due diligence propedeutiche alla fase di negoziazione.

Mps: cessione partecipazione Biverbanca
Banca Monte dei Paschi di Siena rende noto che, nell’ambito dell’annunciata cessione alla Cassa di Risparmio di Asti della propria partecipazione nella Cassa di Risparmio di Biella e Vercelli, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli hanno comunicato a Banca MPS di non aver approvato, allo stato, nella formulazione proposta, il progetto di scissione della quota di Banca d’Italia detenuta da Biverbanca, prodromico alla finalizzazione dell’operazione di cessione a CR Asti del 60,42 % di Biverbanca (la “Partecipazione”) posseduto da Banca MPS. Banca MPS informa che sono già allo studio modalità alternative allo scopo di finalizzare la cessione della suddetta Parteci pazione.

Monti boccia eventuali condizioni aggiuntive per usufruire dello scudo antispread
Nessuna condizione aggiuntiva per l’utilizzo dello scudo antispread, l’Italia non sarebbe disposta ad accettarlo. E’ quanto ha dichiarato ieri Mario Monti a Cernobbio, al termine del suo intervento al Workshop Ambrosetti. Il nostro Paese, ha detto il Presidente del Consiglio, non accetterebbe regole ulteriori rispetto a quelle già negoziate con l’Unione Europea qualora dovesse presentare richiesta di attivazione dello scudo antispread.

Ansaldo STS: Goldman Sachs peggiora la raccomandazione
Goldman Sachs ha peggiorato a “sell” la raccomandazione su Ansaldo STS.

Saipem: downgrade di UBS a neutral
UBS ha peggiorato la raccomandazione su Saipem da “buy” a “neutral”.

Cina. Bilancia Commerciale superiore alle attese ma crollano le importazioni
La Bilancia Commerciale cinese ha fa tto registrare ad agosto un surplus di 26,66 miliardi di dollari, superiore alle attese degli analisti pari a 19,80 miliardi. Le esportazioni mensili sono cresciute del 2,7% (dato atteso +3%) mentre le importazioni hanno evidenziato un crollo del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2011, deludendo nettamente le attese degli analisti che avevano stimato una crescita pari al 3,5%.

advfn-report

Ti potrebbe interessare:

Le opinioni di Ego International sul nuovo export cinese

L’export dell’Italia è in crescita e questo è dovuto ad un miglioramento dell’economia globale. Le opinioni di Ego International in merito alla crescita e al ruolo centrale di alcune economie in netto rialzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *